comment 0

Prototipare secondo Tim Powell

In uno dei primissimi interventi a Museum Next 2017 a Rotterdam, Kathleen Gardner, Director of Innovation al Minneapolis Institute of art, ha detto che:

Nello stesso momento, nell’altra sala, Tim Powell, Digital Producer agli Historic Royal Palaces di Londra presentava The Lost Palace, un’esperienza di visita audio interattiva straordinaria, il cui slogan è “hai mai sentito il cuore di un re battere nelle tue mani?”. Dal punto di vista gestionale e produttivo, la chiave del successo, ha spiegato Powell, è stata l’adozione di un modello industriale di ricerca e sviluppo, con una open call alle comunità di creativi per creare prototipi.

“Come non morire di eccellenza”, di Adam Lerner, direttore del Museo di Arte Contemporanea di Denver, ha chiuso il cerchio con una riflessione sul fatto che i musei – sempre molto bravi nel mostrare i prodotti finiti – devono diventarlo anche nel rendere conto del caos creativo e della processualità. L’intervento di Lerner – una bomba – si può vedere qui.

Imparare a sviluppare prototipi può essere la chiave per liberarsi dall’ossessione del perfezionismo, accettare il caos, e quindi diventare più bravi?

Ecco una mia intervista a Tim Powell in cui affrontiamo la questione.

 

PS: Ti è piaciuto questo contenuto? Iscriviti alla mia newsletter per riceverne altri (pochi), direttamente per email

Annunci
Archiviato in:musei

About the Author

Pubblicato da

Sono un giornalista e un consulente per musei

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...